Veraciousfood.com: geniale!!

 

Girando e curiosando in giro per il web mi sono imbattuta in un sito interessantissimo: www.veraciousfood.com

Si tratta di un vero e proprio mercato on line dove i produttori italiani hanno la possibilità di inserire il proprio profilo e vendere i loro prodotti in tutta europa. Una vera e propria guida sugli “artigiani del cibo” con una visibilita europea. Geniale!!. Decido quindi di contattare il creatore di questo nuovo concept [Federico Baldelli classe 1985] e scopro di conoscerlo!! Chiacchierando appassionatamente su prodotti, produttori e idee ci viene subito in mente di sostenerci, in fondo siamo entrambi in start-up, giovani e on line!! Ci linkiamo immediatamente e ci prestiamo i contenuti.

 

Ecco l’intervista al giovane genio del food-web: “Federico Baldelli, Italo-Tedesco nasce a Roma nel ’85, parla 5 lingue, ha studiato a Montréal, Bolzano, Bilbao e Roma (Luiss). Ha lavorato per qualche tempo per l’ONU (PAM e OMS) ed ora è in start-up con vari progetti ta cui www.veraciousfood.com.“.

IDEA: dalla teoria alla pratica… la storia del progetto:

Veraciousfood è un progetto lanciato da due settimane, l’idea è quella di raccontare i prodotti e i produttori italiani [sono così tanti ed ognuno di loro ha una storia] ed ovviamente dar loro la possibilità di farsi conoscere e di poter vendere i loro prodotti on-line. L’ispirazione è arrivata grazie al tempo trascorso all’estero, volevo far conoscere, condividere, assaggiare i veri sapori, e i veri valori d’Italia. [Sopratutto in questo momento storico]

Ispirazioni: luoghi, oggetti, persone, parole che to porti dentro

La toscana, il rosmarino, il mare, i miei cocker spaniels, le persone che ho incontrato lungo il mio cammino, i discorsi fatti con gente di altre culture e religioni che mi hanno fatto capire una cosa molto importante: abbiamo tutti qualcosa in comune che ci unisce e ci rende un umanità sola.

Le tue ricette, i tuoi ristoranti preferiti:

Avocado con gamberetti, spaghetti agli scampi accompagnati da un buon vino, gelato al tè verde. Il ristorante preferito? L’Osteria del Mugnaio, Grilli, Toscana.

Viaggi e food: viaggiare e scoprire, provare, assaggiare, vivere colori sapori ed emozioni di altre culture… raccontami…

Se penso alla combinazione viaggi e food penso allo Sri Lanka e all’India. Mi tornano in mente I colori, le spezie, sapori piccanti ed il fatto che per diversi mesi ho mangiato con le mani – in Sri Lanka ed India si usa cosi – e mi è piaciuto moltissimo!.

Mi torna in mente la relazione tra il luogo ed il sapore. Ogni terra ha un suo sapore; è bello pensare a quanto sia fortequesta relazione [cibo-natura-cultura]

Il tuo messaggio

Essere se stessi e non avere paura di fare errori. Solo attraverso gli errori si può innovare. Se ci si isola cercando di creare qualcosa di assolutamente perfetto, si rischia di creare qualcosa che è distante dalla realtà altrui e non serve a nessuno.

Un consiglio

Abbiamo un istinto dentro che ci guida. Se impariamo ad ascoltarlo, a sentirlo, ci porta a prendere decisioni in maniera serena.

BOTTA E RISPOSTA DI FEDERICO [ADORO E’ LA PARTE PIU’ BELLA!!]

COSA TI SERVE PER ESSERE FELICE?

Il mare

SE NON QUI DOVE?

In una casetta di fronte al mare a bali

DI COSA HA UNA SCORTA?

Caffè

LA PRIMA COSA CHE PENSI APPENA SVEGLIO?

Dobbiamo cambiare l’italia / speriamo che oggi si dimetta Mr …

DI COSA SEI’ PARTICOLARMENTE FIERO

Di aver rinunciato a vie facili per essere fedele a me stesso

L’OGGETTO PIU’ IMPORTANTE IN CASA

Il divano

IL POSTO DOVE TI VENGONO PIU’ IDEE

Al mare

COSA STAI LEGGENDO

George Orwell – 1984

PAROLE CHE AMI. PAROLE CHE ODI.

Parole che amo: onestà, trasparenza, semplicità

Parole che odio: le parole intrinseche e confuse usate per I documenti burocratici

L’ULTIMA COSA CHE FAI PRIMA DI DORMIRE

Mi lavo i denti

QUANTO CONTA IL SENSO DELLA VITA

Moltissimo anche se ho imparato che spesso la vita va vissuta e non sta a noi capire il suo senso

COSA C’E’ SEMPRE NEL TUO FRIGO

Un buon vino

COSA NON INDOSSERESTI MAI

Un ruolo che non si addice alla mia personalità

COSA NON SMETTERAI MAI DI MANGIARE.

La cucina Italiana



 

 

Comments