TUTTE PER UNA O UNO PER TUTTE?

In un’ epoca dove il galateo amoroso è pressoché ridotto ai preliminari prima della scopata, dove per ogni sette donne corrisponde un solo individuo del sesso opposto [sperando che non sia gay], è ancora opportuno contare sulla solidarietà femminile?

Mi spiego meglio: è ormai palese che il corteggiamento sia stato reso inutile da un atteggiamento iper-aggressivo delle donne teso ad accaparrarsi l’esemplare di turno disponibile di maschio italico/europeo. Questo ha modificato il comportamento degli uomini che sono ora costretti alla difesa piuttosto che all’attacco. L’aggressività che era caratteristica maschile determinata biologicamente dall’ormone testosterone [ormone presente anche nelle donne e che è responsabile, tra le altre cose, dell’eccitazione sessuale] è diventata appannaggio femminile.

Il mio dubbio è se in un momento come questo sia “sano” contare sulla solidarietà femminile e dichiarare il proprio territorio di caccia avvisando le amiche che si è interessate ad approfondire la conoscenza di tizio o di caio. In questo modo si può almeno evitare di imbattersi nel proprio uomo [biologicamente preda dei propri istinti] in scacco del fondoschiena della vostra amica che balla in una mise provocante mentre entri il giovedi sera nell’ennesimo locale di grido.

Oppure forse si rischia di provocare l’effetto opposto e cioè di stimolare la caccia delle vostre amiche “pantere” per una preda che, a causa delle vostre rivelazioni, ha assunto le caratteristiche del molto ambito e quindi notoriamente delizioso? Un piccolo animaletto notturno che tendenzialmente non aveva caratteristiche molto attraenti, diventa improvvisamente “il pasto perfetto” per cui litigare.

A questo punto, puoi dire addio al tuo uomo [se mai è stato tuo] quando ti “cala” drasticamente nel momento in cui la tua amica si confida con te, sbattendo le folte lunghe ciglia: “sai, l’altra sera mentre ballavamo mi è saltato addosso, non ho potuto resistere!” Oppure aspettare che lui ti sussurri a letto con quel suo sorriso accattivante: “che ne pensi di fare sesso a tre con quella tua carissima amica a cui vuoi così bene?”

Ai “post” l’ardua sentenza.

Honey Bee

Comments