Passalis Family Oil & Wine Production – Rhodes – The interview

Passalis Family Oil & Wine Production in Rhodes: The interview

 

I met Alexandros Passalis, the manager of the “Passalis Family” Company, during an important food-fair in Italy. He is just over thirty years old, young but with a managerial and marketing clear vision for his Company, who wants to support the development of local food and wine tourism, especially as regards the production of extra virgin olive oil which can be of great quality even in Rhodes. I think he could be a positive example for young entrepreneurs who want to improve their own companies or to start up with  an agricultural production, especially extravirgin olive oil, that, as he says, it’s a great source of development in many countries, and a very important production in Greece.  And what about quality? Let’s read Alexandro’s interesting words…

THE INTERVIEW

A short biography about you. I was born in the island of Rhodes in 1984 and graduated from high school there. Since then, I have studied Business Administration in the University of Piraeus and have been awarded a M.Sc. in Tourism Marketing from Bournemouth University. I have also received a Postgraduate Certificate in Hospitality Operations from Glion in Switzerland. In 2008 I started working in a big resort hotel in Florida and came back to Rhodes and the family business (which is a resort hotel as well) in the end of 2009. I am currently managing this hotel property with the support of my family as well as a Restaurant-Deli that we opened in 2014. It’s name is RODI Pure Deli. Rodi is the name of the island in Italian but also the Greek word for pomegranate, my father’s favorite fruit as well as a symbol of fertility and good luck. In 2015 we founded the ‘Passalis Family’ brand, which is involved in the production of the award winning ‘Alexandros Olive Grove’ extra virgin olive as well as ‘Athiri di RODI’, a local white whine of very limited production.

Tell us about “Passalis Family” company and the production. When it comes to the extra virgin olive oil “Alexandros Olive Grove”, the story goes as follows. In the Kalamonas area, amateur olive oil production it is something pretty common. We had our own family production, coming from a fine quality of 300 Koroneiki olive trees, planted in 1975. In 2011 we decided to bottle a small portion of that production, making that just the beginning. From day one we had the ambition to prove that Rhodes island has many things to offer us, when it comes to the Olive Oil Production. Thus, we invested in innovative procedures throughout the production, from cultivation and pruning to storage. As nature always indicates, there is no need to rush, when it comes to quality. Taking baby steps from the beginning, in just 4 years, we’ve managed to come to an outcome that none believed that the olive oil production of Rhodes could give to the world.

I read that your family and you, started the business in 2011.

In the winter of 2011-12 my father Nikos and I, first attempted to bottle  a small portion of our  annual family production of olive oil and offered the bottles as a present to foreign travel agents who visited the hotel during the summer season that followed. A fine quality of 300 Koroneiki olive trees were planted by my grandfather Alexander in 1975 in Theologos Beach of  Rhodes island, in the area where our hotel is nowadays established. His mission was to emerge the local agricultural products production as an integral part of Rhodes culinary tradition. Thus the name ‘Alexandros Olive Grove’.

What is the toughest challenge to starting and operating your business in Greece? Overtaxattion is of course a big issue… Direct and indirect taxes have increased significantly during the period of economic crisis. The negativity and disbelief of many people during this period is another issue.

In the rise of the artisan craft food movement in the mediterranean area, do you think that olive oil is getting the attention it deserves? What about in Greece? As a basic part of the Mediterranean nutrition  and as a cultural asset in general, I consider olive oil as a tourist resource with enormous potential in the field of culinary tourism. From my perspective, for the traveler, olive oil tourism provides an opportunity learn where and how olive oil is produced, to discovers it characteristics and realize its importance on the surrounding society. For the producers, it’s a chance to demonstrate the process of making olive oil and introduce their products directly to the customers. For the local communities of the rural areas where the olive oil is produced, olive oil tourism can be a chance to raise their earnings through supplementary activities built around this concept, aimed at showcasing and tapping local olive growing resources. In Andalusia and some other Spanish regions we are already talking about the olive tourism concept, namely, of olive growing operations open to the public in the form of cellar doors, or in combination with hospitality-related activities, including selling food or providing on-site visits and accommodation. While still far from reaching the proportions of the wine tourism phenomenon, olive tourism is known in other parts of the world, if scantily.

Undeniably, the emerging demand for such as agriculture and culinary tourism can provide Greek destinations the opportunity to differentiate and enhance their tourism product. Olive oil is a traditional Greek agri-food export which has a global reputation for quality and is a symbol of the country’s rich culture and cuisine. Greece remains one of the top olive oil-producing nations in the world and boasts the highest olive oil consumption per person. However, very little has been done to promote this valuable product and to tie in with tourism. In 2016, Greece had about 27 million visitors but I ‘m wandering how many of them had the opportunity to sample high quality Greek olive oil and learn more about the product.

Company’s vision is to promote the culinary culture of Rhodes through the production of high quality local products; what about the other producers in Rhodes, do you collaborate or you are competitors? I would say that ‘Alexandros Olive Grove’ is the result of good collaboration, not only in the stages of cultivation and production. There are hotel and restaurant owners who supported the product from the very beginning. Ather winning three medals in International competitions during 2017, our olive oil proved the potential of the island. We have nothing to envy from other olive oil producing regions such as Creete or Peloponesse. I hope for a more intense competition among olive oil companies in the island. This is how we will improve our quality standards.

Are you trying to export your products to Europe? Why? We are exporting our olive oil in Germany, Austria and Switzerland already, so the visitors who try it and enjoy it in Rhodes can find it at home via an e-shop that covers these three countries.

What kind of partnership or collaborations are you looking for in Europe, or elsewhere in the world? Ideally, I am looking for partnerships that will present my products in European counties in a way that will make consumers thinking about come and taste them in their place of origin.

Word of mouth, communication and socials are the new and immediate ways to get to customers, how do you use them? Are you planning something? I am active in social media and they have proved a fast and powerful means of make making my products known in a local level, to engage with customers and build the ‘’Passalis Family’’ brand. It is actually hard to create enough content to keep customers engaged on the website the blog, as well as the. If you do not create interesting and good quality content, the novelty fades away and along with it customer activity on the page. In the case of Instagram, high quality and creative pictures are essential. Pictures do not only promote the product it self but also present it as part of the gastronomic tradition of the destination.

Give and take:

Your company in 4 words. Family oriented, sometimes innovative, sometimes nostalgic.

“Alexandros Olive Grove” Extra Virgin olive oil is… distinguished by its fruity character and the delicate taste which is balanced between bitter and spicy.

Athiri di Rodi white wine is… fruity and delicate, with citrus aromas and a refreshing acidity. Ideal combination for our local specialties and seafood.

Give me 3 colors and tell me why? I can give you Burgundy color for three different reasons. Burgundy wine, burgundy blazers, chinos & shoes for men and burgundy nail polish for women.

In your kitchen you can always find…? Cheese & Charcuteries

Your favorite plate? In French: L’escargot and a glass of Chablis. Or maybe a Sancerre or a Pouilly Fumé. In Italy: A plate of Italian Salami, Charcuterie and Cold Cuts accompanied by Chianti Classico.  In Greece: For me  it’s all about seafood. Very fresh seafood and crispy, fruity, acidic white wines.

Give me a suggestion dedicated to all those who want to start your similar career. They should try to enjoy it and be ready to meet new people. New places, new cultures… they should enjoy it. Otherwise, the chances of success are very limited.

How’s the perfect woman? And how’s the perfect man?I have to admit that Italians have a perfect style. Both women and men.

White, red or sparkling? Anything. Depends on the mood, the company, the weather conditions and of course the food we will accompany with.

www.passalisfamily.com

 

VERSIONE ITALIANA

Ho avuto il piacere di conoscere il manager della Passalis Family in un evento in Italia, mentre promuoveva i suoi prodotti. Olio extravergine d’oliva e vino bianco prodotti nell’isola di Rodi. Ho poi assaggiato i prodotti più volte, e sono rimasta colpita sia dalla bontà dei prodotti che dalla contemporaneità del marketing, della promozione e della comunicazione che il Manager ha sviluppato in poco tempo.

… Ecco perchè ho deciso di indagare, visitare l’isola di Rodi e intervistare Alexandros Passalis, il proprietario e manager della Passalis Family. In questo contesto mi ha raccontato della sua attività, di quanto ama l’isola e quello che sta facendo per la cultura enogastronomia di Rodi e quali sono i suoi obbiettivi per il futuro.

Un ragazzo di poco più di trent’anni, con una chiara visione manageriale e di marketing per la sua giovane azienda che vuole supportare lo sviluppo del turismo enogastronomici locale, soprattutto per quanto riguarda la produzione di olio extravergine d’oliva che può essere di grande qualità anche a Rodi.

Ecco l’intervista.

Una breve biografia su di te. 

Sono nato sull’isola di Rodi nell’1984 dove mi sono diplomato alla scuola superiore. da allora ho studiato business administration all’università del Pireo e sono stato premiato con un Master of Science in Marketing del Turismo dall’università di Bournemounth. Ho anche ricevuto un diploma post laurea in Hospitality Operations dall’università di Glin in Svizzera. Nel 2008 iniziai a lavorare in grande hotel resort in Florida e alla fine del 2009 sono tornato a Rodi e al business familiare (che anche esso è un resort hotel). Sto attualmente gestendo questa struttura con il supporto della mia famiglia e un Deli ristorante che abbiamo aperto nel 2014. Il suo nome è Rodi Pure Deli. Rodi è il nome dell’isola in italiano ma anche la parola greca per Melograno, il frutto preferito di mio padre, oltre ad essere un simbolo di fertilità e buon augurio. Nel 2015 abbiamo fondato il marchio Passalis Family che si occupa della produzione del premiato olio extravergine “Alexandros Olive Grove” e di un vino bianco locale Attiri di Rodi con una produzione molto limitata.

Raccontaci dell’azienda e della produzione Passalis Family 

Quando si arriva a parlare dell’olio extravergine d’oliva AOG, la storia è la seguente. Nell’area di Kalamona, la produzione di olio d’oliva amatoriale è molto comune. Avevamo la nostra propria produzione familiare proveniente da una buona qualità di 300 alberi di olive Koroneiky  piantati nel 1975. Nel 2011 abbiamo deciso di imbottigliare una piccola parte della produzione  e questo fu l’inizio. Dal giorno 1 abbiamo avuto l’ambizione di provare che l’isola di Rodi ha molte cosa da offrirci, quando si parla di produzione di olio evo.  Quindi abbiamo investito in procedure innovative attraverso la produzione, a partire dalla coltivazione, alla spremitura fino al confezionamento. La natura ci indica sempre che non c’è alcun bisogno di affrettarsi quando si parla di qualità. Come  quando si accompagna un bambino a muovere i suoi primi passi, in soli 4 anni, siamo riusciti ad arrivare ad una tale quantità e qualità che nessuno si aspettava,  come nessuno si aspettava che la produzione di olio evo di Rodi potesse dare qualcosa al mondo.

Ho letto che tu e la tua famiglia avete iniziato la vostra attività nel 2011

Nell’inverno del 2011-12 io e mio padre Nikos, abbiamo tentato di imbottigliare una piccola quantità della nostra produzione annuale di olio evo, offrendo le bottiglie come regalo agli agenti di viaggio stranieri che visitarono l’albergo durante la stagione estiva. Un’ottima qualità di 300 alberi di olive koroneiki fu piantata da mio nonno Alexander nel 1975 a Teologos Beach a Rodi, nell’area dove adesso si trova il nostro hotel. Il suo obbiettivo fu quello di mettere in evidenza la produzione dei prodotti agricoli locali come parte integrante della tradizione culinaria di Rodi. Da qui deriva il nome ‘Alexandros Olive Grove’.

Qual è la sfida più dura che hai incontrato per far partire e sviluppare la tua attività in Grecia?

La sovra tassazione è certamente un grande tema; le tasse dette e indirette sono aumentate significativamente durante la crisi economica. Un’altra problematica è stata la sensazione di negatività e di sfiducia di molte persone.

Nello sviluppo del movimento del cibo artigianale nell’area del Mediterraneo pensi che l’olio evo stia ottenendo la giusta attenzione? Che succede in Grecia?

Come parte importante della dieta mediterranea e come valore culturale in generale, considero l’olio evo come una risorsa turistica con un enorme potenziale nel campo del turismo gastronomico. Per il viaggiatore, dal mio punto di vista, il turismo dell’olio evo da un’opportunità di conoscere dove e come l’olio evo è prodotto, capire le sue caratteristiche e l’ importanza del contesto sociale che lo circonda. Per il produttore è la possibilità di mostrare il processo di produzione dell’olio evo e di presentare i suoi prodotti direttamente ai consumatori. Per le comunità locali dove l’olio d’oliva viene prodotto, il turismo dell’olio può essere una possibilità di far crescere le loro entrate attraverso attività secondarie costruite accanto a questo concetto. In Andalusia e in altre regione della Spagna già si parla di turismo dell’olio evo, nello specifico, di tutte le operazioni della produzione dell’olio accessibili al pubblico attraverso  il concetto di “cantine aperte” oppure con delle attività connesse all’ospitalità, includendo anche la vendita di cibo offrendo visite in azienda e il soggiorno. Sebbene ancora lontani dall’eguagliare il fenomeno del turismo del vino, anche se scarsamente, il turismo dell’olio evo sta crescendo in altre parti del mondo.

E’ innegabile che la domanda crescente per l’agricoltura e il turismo gastronomico può portare alla Grecia l’opportunità di differenziale e sviluppare l’offerta turistica. L’olio evo è il prodotto agricolo greco tradizionale più esportato, con un’ampia reputazione di qualità e rappresenta un simbolo della cultura e della cucina del paese. La Grecia rimane un delle principali nazioni di produzione di olio evo al mondo e rappresenta il più alto consumo procapite di olio evo. Comunque, poco è stato fatto per promuovere questo prodotto di valore e abbinarlo al turismo. Nel 2016 la Grecia ha avuto circa 27 milioni di turisti ma mi chiedo quanti tra loro hanno avuto l’opportunità di assaggiare l’olio di oliva greco di alta qualità e saperne di più su di esso.

La visione dell’azienda è di promuovere la cultura gastronomica di Rodi attraverso la produzione di prodotti locali di alta qualità; come ti relazioni con gli altri produttori di Rodi, collaborate o siete concorrenti?

Direi che ‘Alexandros Olive Grove’ è il risultato di una buona collaborazione non solo nei livelli di coltivazione e produzione. Ci sono proprietari di alberghi e ristoranti che sin dall’inizio hanno sostenuto il prodotto. Dopo aver vinto 3 medaglie in una gara internazionale nel 2017, il nostro olio evo ha testimoniato il potenziale dell’isola. Non abbiamo niente da invidiare alle altre regioni produttive come Creta e il Peloponneso. Auspico ad una più intensa competizione tra le aziende dell’isola. Questo è il modo in cui miglioreremo la qualità.

Botta e risposta:

L’azienda “Passalis Family” in poche parole: Orientata alla famiglia, a volte innovativa, a volte nostalgica

L’olio extravergine d’oliva Alexandros Olive Grove è… Ha carattere fruttato ma sapore delicato ed è equilibrato, ben bilanciato tra l’amaro e il piccante

Il vino bianco Athiri di Rodi è: fruttato e delicato, con un aroma di agrumi e un’acidità rinfrescante. Una combinazione ideale per le nostre specialità  e il pescato locale

Dammi 3 colori e dimmi il perché: Ti posso dare il Burgundy (rosso scuro Borgogna) per tre differenti ragioni. Il vino della della Borgogna.

Un blazer, un pantalone e delle scarpe da uomo color Burgundy e…lo smalto da donna rosso scuro.

Cosa non manca mai nella tua cucina? Formaggi e salumi

Il tuo piatto preferito? In Francia escargot con un bicchiere di Chablis, o forse un Sancerre, o un Poiully Fumé, In Italia: Un piatto di salame, salumi vari e accompagnati da una buona bottiglia di chianti classico, In Grecia: solo pesce con un vino bianco fragrante, fresco acido e fruttato.

Hai un suggerimento dedicato a tutte quelle persone che voglio intraprendere la tua stessa carriera: Devono amare quello che fanno ed essere pronte a conoscere persone nuove, posti nuovi, culture nuove, devono avere piacere nel girare e far conoscere i loro prodotti, altrimenti, rimanendo fermi,  le possibilità sono limitate.

Come sono secondo te l’uomo perfetto e la donna perfetta? Devo ammettere che gli uomini e le donne italiane hanno uno stile perfetto. Entrambi.

Bianco, rosso o bollicine? Qualsiasi cosa, dipende dal mood, dalla compagnia, dal tempo e sicuramente dal cibo.

 

www.passalisfamily.com

 

 

Comments