Laura Tonatto: arte, cinema, letteratura e…profumo!

Qualche tempo fa lessi un articolo sulla Repubblica che annunciava la prossima apertura dello show room di Laura Tonatto, famoso “naso” e creatrice di profumi e fragranze per vip e personaggi famosi tra cui l aRegina d’Inghilterra. Inebriata dal personaggio provai a contattala e, senza alcun problema, mi concesse immediatamente un’intervista telefonica. Una bellissima chiacchierata con unadonna cortese, educata, colta e meravigliosamente sensibile… E’ passato un anno, non trovavo più l’intervista, poi come per magia mi è ricapitata tra le mani e come per magia mi sono ritrovata con la mia macchina fotografica in Piazza di Pietra… e finalmente posso raccontare una piccola parte di una donna veramente speciale…

Laura tonatto e le sue opere d’arte per il corpo, la mente e l’ambiente!… 31 fragranze con le migliori essenze disponibili sul mercato, lavorate, filtrate e confezionate a mano in Italia. Sono il frutto di vent’anni di ricerca, cominciata nelle presitigiose scuole del Cairo e di Grasse, in Provenza. Sono profumi da indossare – per il corpo e per lo spirito – e da abitare, per rendere unica l’atmosfera della propria casa. Sono un nuovo stile di vita.

IMG_6334

La breve intervista:

Laura e i sui progetti… Ho sempre avuto una sensibilità particolare olfattiva che mi ha permesso di approfondire e vivere l’esistenza con l’olfatto… Lo show room raccoglie tutte le mie esperienze in 25 anni di studio e lavoro, e poi le mie passioni per la letteratura, il cinema, l’arte e la musica, ho voluto riunire tutto nella galleria romana di Piazza di Pietra.

IMG_6318

IMG_6323

IMG_6329

IMG_6328

Ispirazioni che porterai sempre con te…L’Egitto dei miei 20 anni, l’odore dell’ambra pura, l’odore d’oriente…dell’Arabia Saudita, la tonalità della rosa di Taif e la menta di Medina, e poi Sidney e l’oceano…

Ricette e ristoranti… Amo la cucina tradizionale piemontese del “Monferrato”, un Piccolo artigiano di Asti fa l’Agnolotto Gobbo e suona un piano…
El Celler de Can Roca dei fratelli Roca a Girona…un’esperienza fantastica. Amo la Cucina maremmana…e gli chef? Filippo Lamantia e Fulvio Pierangelini.
Un personaggio che mi affascina è Dario Libretti, un assaggiatore di olio, sa tutto!! Partecipai ad una cena dove assaggai olio alla vaniglia, olio foglia di pomodoro ai fiori d’arancio e alle mandorle… sublime! E poi l’aperitivo moderno di Alberto Caleffi… tutto da scoprire!!che galleggia e aromatizza.

Adoro cucinare…qualche preferenza? Le Pesche Ripiene con gli amaretti e il ciocclato…les “Pommes de Terre Boulanger” [patate al gratin] e i Tagliolini al Tartufo. Poi c’è Roma con la sua Vignarola che viene fatta mentre arriva la primavera e servita solamente per una quindicina di giorni all’anno [fave, piselli, carciofi, lattuga romana, cipollotto, soffritto, guanciale e pepe] e poi c’è Roscioli…a proposito di guanciale!

Una Trattoria Romana? Trattoria romana mmmm… la pizzeria del Corallo!! Le crocchette di  pollo sono buonissime.

Se ti dico Naso e Cibo cosa mi rispondi?  Sensualità e Passione!

Un messaggio… Bisogna vivere la propria vita non quella degli altri, seguire i propri istinti e se si svolge il proprio lavoro in modo ineccepibile e con grande impegno, ha degli ottimi risultati!!!!

IMG_6344

IMG_6330

IMG_6331

IMG_6319

IMG_6333

 

Dal sito www.lauratonatto.com

Lo show room è un laboratorio olfattivo dove sono  riuniti per la prima volta in un unico luogo i percorsi culturali sperimentati in 25 anni di attività. Si tratta di profumi, mai messi in commercio, ispirati ad alcuni fra i maggiori capolavori delle arti umane – dal “Suonatore di liuto” di Caravaggio al “Flauto Magico” di Mozart, dalla “Primavera” del Botticelli al “Gattopardo” di Luchino Visconti – realizzati dopo un approfondito esame delle opere, svolto con l’aiuto dei maggiori esperti di ogni settore.

Nella galleria aperta in una delle più suggestive piazze romane, i visitatori potranno annusare le fragranze create nel corso degli anni da Laura Tonatto grazie a particolari installazioni che consentiranno loro di vedere o ascoltare anche le opere che li hanno inspirati. Nella fragranza del “Suonatore di liuto”, ad esempio, sarà possibile odorare il mélange di tutti gli elementi olfattivi presenti nel quadro, dai fiori alla cera della quale erano impregnati i mobili e il pavimento. Questa installazione è stata realizzata per il museo Ermitage di San Pietroburgo, che ospita la tela di Caravaggio, ed è ora replicata per la prima volta in modo stabile in Italia.

Con lo stesso percorso di approfondimento culturale Laura Tonatto ha creato profumi ispirati all’opera lirica, alla letteratura e al cinema che non verranno mai commercializzati ma che hanno lo scopo di poter abbinare, nell’avvicinarci a un capolavoro, anche l’olfatto agli altri sensi che ci permettono di ammirarlo. Nella galleria di Piazza di Pietra, che ospita anche una pregevole Maddalena (la santa protettrice dei profumieri) di Luca Giordano, saranno invece in vendita tutti i prodotti della collezione di Laura Tonatto, dalle fragranze per il corpo ai profumi per l’ambiente, che continuano a riscuotere un notevole successo in tutto il mondo.

Nella sala didattica, dove verranno organizzati corsi di formazione, sarà inoltre possibile consultare rari e preziosi testi utilizzati per la creazione dei profumi e accedere ad una Olfattoteca, che custodisce più di duemila note olfattive e che rappresenta il vero patrimonio artistico diLaura Tonatto.

Per il “Naso”, che ha realizzato le fragranze per la Regina Elisabetta II, l’apertura di una galleria nel centro di Roma è nello stesso tempo una conferma dell’amore per questa città e un attestato di fiducia nelle capacità del Paese di superare la crisi grazie alle sue carte vincenti di sempre: la qualità, il talento, la determinazione. In questo nuovo percorso, Laura Tonatto potrà contare sull’aiuto della figlia Diletta, che dopo un brillante corso di laurea a Sidney è diventata la sua più importante e preziosa partner e avrà tra l’altro la direzione della distribuzione diretta dei prodotti della maison a partire dal 2012.
 

Quello che so di me…

 di Laura Tonatto

Sono nata a Torino, dove ancora abito e creo profumi dietro a grandi vetrate che guardano i boschi della collina, la città e le montagne. Ho ereditato le caratteristiche del mio “naso” da una nonna e le ho perfezionate prima alla scuola di Hassan, un Maestro di essenze del Cairo, nel 1983, e poi l’anno dopo da Serge Kalouguine, della Parfumerie Fragonard di Grasse, in Provenza. Ci torno ancora tutti gli anni, a inebriarmi dell’odore delle rose centifoglie appena raccolte.

Creo profumi dal 1986. Tutto è cominciato in un piccolo negozio in Via Brera a Milano nel quale si affacciarono presto i primi clienti importanti che desideravano una fragranza su misura: a Ornella Vanoni, Elio Fiorucci, Lucia Locatelli, Francesco Totti, Asia Argento si sono aggiunti negli anni Ornella Muti, Giorgio Armani e tanti altri.

Ma il cliente più importante, quello che da solo basterebbe a rendere famoso un marchio nel mondo, è Elisabetta II d’Inghilterra. Come in un sogno, la Regina mi ha chiesto nel 2008 una fragranza esclusiva. E, sempre come in un sogno, mi ha ricevuta a Palazzo un anno dopo, per una breve e indimenticabile udienza privata.
Mi piace sperimentare, innovare, lasciare tracce olfattive nelle case e sulle persone. Studiare il passato. Ricreare ad esempio il profumo di Cleopatra descritto in un papiro egizio o la fragranza che usava Napoleone. Osservare un quadro di Caravaggio e riprodurre il profumo dei fiori che vi sono dipinti, come ho fatto per “Il suonatore di liuto” all’Hermitage di Pietroburgo.

Mi piace il mio lavoro, mi piace parlarne e insegnare quello che so e che ho imparato, per cercare di trasmettere alle tante persone che me lo chiedono la capacità di usare l’olfatto non solo per creare se lo desiderano le loro fragranze, ma anche per capire meglio la realtà che ci circonda. Perché il profumo, come diceva Yves Saint Laurent, è il fratello del respiro.

www.lauratonatto.com

 

 

Comments