Il Galateo di Brunella Gasperini: la più famosa e divertente guida del “savoir-faire”

‘Sono cresciuta con le 500 lire sotto i gomiti!’ rispondo sempre a chi mi dice ‘come mangi bene a tavola!’. Mio padre, furbo e attento educatore, aveva trasformato il terribile obbligo di dover stare a colazione con i libri sotto i gomiti in un divertente modo per guadagnare i soldi della merenda …
Ora mi ritrovo a osservare attentamente i comportamenti delle persone, soprattutto nel momento del pasto e con grande dispiacere mi accorgo che alcune regole sono sparite dall’uso comune.
Peccato, è così bello vedere un uomo, o una donna ovviamente, che con chiarezza e decisione sa muoversi senza imbarazzi in ogni occasione, senza rigidità ma con il famoso “savoir-faire” che lo rende così affascinante.
Credo sia diventata una passione.
Ho letto molti libri sul galateo, antico e moderno, sul bon ton, sull’educazione, insomma, sull’arte di sapersi comportare nel modo migliore in ogni occasione. Dal famoso precursore del buon comportamento il Monsignor Giovanni della Casa alla guida del ricevere di Cristina Parodi, dalla dinamica e trendy “Parisienne” di Ines de la Fressange a “Savvy Chic: The art of more for less” di Anna Johnson.
A mio avviso, il testo più interessante e divertente sull’argomento è stato pubblicato negli anni settanta da Brunella Gasperini. In quel periodo l’omonima giornalista scrive su periodici (Annabella) e quotidiani (Corriere della Sera) di critica cinematografica e critica televisiva, scrive romanzi, recensioni, inchieste … e il mio libro preferito: “Il Galateo, la più famosa e divertente guida ai misteri del savoir – faire.” La Gasperini rivisita in chiave moderna e ironica il noioso Galateo del diciannovesimo secolo, riportando i cambiamenti nella vita sociale negli anni settanta e consigliando i comportamenti più adeguati a ogni occasione. Io l’ho trovata semplicemente geniale e veramente attuale!!!
Come non citare qualche sua frase-must? Ogni tanto mi lascerò trasportare nella sua cinica ironia e la condividerò con voi…

Comments