A Fregene si mangia bene?? Si!!! Alla Baia e con prenotazione.

Certo, senza generalizzare ovviamente, ma voglio sfatare il mito che a Fregene si mangia male…

tartare di salmone

tartare di salmone

Prima domenica di sole marzolina sul litorale romano, una briosità nell’aria da risvegliare qualsiasi animaletto in letargo, e figuratevi la leoncina [io] esausta dell’inverno e in sfervorante attesa della sua Primavera/Estate 2014… Arriviamo all’una, mooooolto presto per il “Pranzo della Domenica” che per me non può partire mai prima delle 14.30 con un una goccia di hang-over dal giorno prima, figuratevi uscire di  casa alle undici e mezza di domenica mattina e per giunta fresca e riposata, hahahahaha, qualche anno fa sarebbe stato impossibile…

Comunque,

parcheggi pieni, traffico, qualche piccolo nervosismo in macchina da Marzo a fine Settembre sono assicurati, non te li leva nessuno, soprattutto in via Silvi  Marina [Lungomare di Fregene verso il villaggio dei Pescatori]. Entriamo nel parcheggio dello stabilimento senza nessuna pretesa, convinti che il parcheggiatore ci mandi via in un batter d’occhio, ma io, femmina, devo provare SEMPRE a parcheggiare il più vicino possibile al ristorante, [con la puntuale sfiducia del mio compagno ] e invece no!!! Tiè!! Parcheggione d’onore tutto per noi! [Potrei anche iniziare a ricredermi su quale sia il migliore orario per il pranzo della domenica ma quella è un’altra storia].

Raggiungiamo affamati il dehor [alzarsi all’alba mette fame no??? :-)] ci sediamo al nostro tavolo prenotato e partiamo con una bottiglia di Franciacorta Saten… Mare davanti  a noi, bollicine e sole… senza parole, commossi!

Arrivano gli amici [e la bottiglia era quasi finita, la commozione mette veramente tanta sete, uff! ;-)], arriva il cameriere, arrivano il menu e la lavagna con i consigli del giorno e finalmente ordiniamo [fame fame fame fame]. Crudi, carpacci e tartare, frittino misto, linguine con spigola e bottarga, spaghetti con le telline [ fortemente voluti dai nostri compagni] e alla mediterranea [fortemente voluti da noi fanciulle e ovviamente buonissimi!], pescetto al forno con patate [uno spettacolo] olio extravergine d’oliva super gourmet [e molto Chicandspicy] con etichetta glitterata “Cetrone Intenso” ed OVVIAMENTE, tanto, tanto buon vino bianco. [Non voglio dare l’idea dell’alcolizzata ma vi assicuro dopo una dura e lunga settimana di lavoro, ci sta!]

Fritto di paranza, calamari e gamberi

Fritto di paranza, calamari e gamberi

Olio extravergine d'oliva Cetrone Intenso

Olio extravergine d’oliva Cetrone Intenso

Carpacci, tartare e crudi

Carpacci, tartare e crudi

 

Noi siamo andati sul semplice ma il menu proponeva dei piatti creativi bellissimi e sono sicura anche buoni!. Ogni boccone è stato un piacere, la tartare di salmone freschissima e lasciata nella sua splendida naturalezza, i crudi dolcissimi e carnosi, le paste tutte con una cottura perfetta e un condimento succulento, tanto che ognuno dei commensali ha preferito la sua, mangiando quella degli altri, vorrà dire che erano tutte buone? 🙂 [E non erano gli ultimi arrivati in fatto di ricettine e cotture]. Il rombo al forno con patate semplice, saporito e fresco cotto alla perfezione come solo noi italiani sappiamo fare, accompagnato da quelle patate, si, proprio quelle di quando eravamo piccoli [o almeno io], che non se ne trovano più, quelle patate succulente e croccanti con i pomodorini dolci e le olive rigorosamente nere che cuociono piano piano accanto al loro “pescetto” adorato e non lo abbandonano mai [lo so che sto parlando di un ristorante di pesce e mi soffermo sulle patate, ma credetemi un buon “pescetto” al forno senza delle buone patatine che lo accompagnano non rende come potrebbe …  è come dire che dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna… non siete d’accordo?]

LA NOTA POSITIVA: passando all’ingresso una lavagna con una scritta: “Il Ristorante è al completo” in effetti era pieno, ma non la solita “mensa” che si trova negli stabilimenti di Fregene, questo vuol dire che non riempiono il ristorante lavorando al di sopra del loro limite di capacità ma si fermano prima, prediligendo qualità del cibo, del servizio e dell’ambiente per i loro ospiti, e per me così è stato, chapeau! Mi raccomando prenotate prima di andare :-).

IL CONTO: Fascia media

La Baia – Trattoria di mare – Fregene

Via Silvi Marina 1 – 06 66561647

 

www.labaiadifregene.it

 

PS: Grazie Francesca per avermi rotto le scatole per un anno di seguito chiedendomi di ricominciare a scrivere, l’ispirazione è tornata, ma, come ben sai, ha bisogno dei suoi tempi, per essere vera e sincera come ogni cosa che è scritta sul mio blog, ce ne è tanto di spazio per articoli sforzati e non sarà mai il mio. Tempo al tempo. Tempo al cuore.

Comments